mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCronacaOmicidio fratelli Marrandino, a Cesa veglia e lutto cittadino

Omicidio fratelli Marrandino, a Cesa veglia e lutto cittadino

In stato di fermo l’operaio di 55 anni incensurato

Omicidio fratelli Marrandino, a Cesa veglia e lutto cittadino

Si è riunita in preghiera la comunità di Cesa, piccolo comune del Casertano, per i funerali di Marco e Claudio Marrandino, i due fratelli di 39 e 29 anni uccisi sabato pomeriggio, a colpi di pistola, mentre erano a bordo della loro auto sull’Asse Mediano, all’uscita del comune di Succivo. Per onorare le due vittime una veglia di preghiera, lutto cittadino proclamato dal sindaco e sospensione dei festeggiamenti per San Cesario martire, patrono della cittadina, che ricorrono a fine giugno.

Un omicidio quello dei fratelli Ferrandino, di cui non è ancora chiaro il movente a detta dello stesso procuratore di Napoli nord. Motivi di viabilità o un’asta giudiziaria le ipotesi.

 55ENNE IN STATO DI FERMO

Al momento resta in stato di fermo l’operaio di 55 anni incensurato, anche lui come le vittime originario di Cesa. Il magistrato ha detto di non avere niente a che fare col duplice omicidio, ma è stato comunque sottoposto a fermo perché sul suo conto, affermano gli inquirenti, sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza, tenuto conto dell’inequivoco riconoscimento da parte dei carabinieri, intervenuti poco dopo la sparatoria, e del suo tentativo di fuga.

A casa del sospettato sono state ritrovate armi e munizioni, tra cui un fucile a canne mozze modificato e con matricola abrasa e una pistola semiautomatica detenuta.

Skip to content