Restrizioni anche in zona gialla, protesta su A1 dei ristoratori campani

0
25

La Campania in zona gialla, ma i provvedimenti contenuti nel prossimo decreto della presidenza del consiglio dei ministri annunciati alla Camera dal ministro della Salute Speranza, che confermano restrizioni sugli spostamenti e sul cibo d’asporto, hanno scatenato la rabbia dei ristoratori campani che questa mattina hanno bloccato il traffico sull’autostrada A1 nel tratto compreso tra Caserta e Frosinone.

I ristoratori si sono dati appuntamento all’area di servizio di Teano e hanno quindi iniziato la loro lenta marcia verso Roma per manifestare il dissenso nei confronti delle misure governative.

Nella Campania che vede in calo la curva dei contagi, 662 i positivi registrati ieri sugli 8847 tamponi realizzati, le conseguenze dell’economia ferma iniziano a vedersi in maniera concreta. Ai cittadini campania l’appello del presidente della Regione, Vincenzo De Luca, al non abbassare la guardia nonostante il miglioramento della situazione contagi.

Il fatto di essere collocati in “zona gialla” – ha detto De luca – se da un lato è la conferma che la linea di rigore produce risultati positivi, dall’altro rischia di provocare effetti drammatici se viene considerata un ‘liberi tutti'”.

Se dovessero essere confermate nel testo del dpcm le parole del ministro Speranza, in Campania resta dunque il divieto di spostamento, di asporto cibo dopo le 18 e l’indicazione a poter ricevere a casa massimo 2 persone non conviventi come già avvenuto durante le vacanze di Natale. Si va verso la riapertura dei musei.