“Se bruciasse la città”, il libro di Smeriglio che indaga le periferie

Il volume presentato nel complesso di San Domenico Maggiore

0
208

“Se bruciasse la città” libro scritto da Massimiliano Smeriglio e pubblicato Giulio Perrone Editore è stato presentato a Napoli, nella Sala del Capitolo del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore. Docente universitario, parlamentare europeo, membro della Commissione Cultura, autore di Garbatella Combat Zone (Voland – 2010), Suk Ovest, banditi a Roma (Fazi Editore – 2012) e Per quieto vivere (Fazi Editore – 2017), autore di saggi sul rapporto tra politica, istituzioni e società, Smeriglio offre al lettore uno spietato viaggio nella periferia romana, identica a tutte le altre periferie del mondo, dove la vita non viene mai strappata lungo i bordi, su cui è importante restare con i riflettori puntati.
A organizzare l’incontro, Eleonora de Majo, ex Assessore alla Cultura del Comune di Napoli.
All’incontro hanno preso parte l’avvocato Domenico Ciruzzi e l’attore e regista Lello Serao. La presentazione di “Se bruciasse la città” è stata l’occasione per discutere su quanto ancora ci sia da fare e come bisognerebbe fare per ridare vita e ossigeno a queste zone buie della città