Truffe ai risparmiatori con phishing, in manette 8 persone

Ancora da quantificare l'ammontare complessivo della truffa. Solo dal conto di una coppia di Milano prelevati 125 mila euro

0
185

Otto persone residenti nelle province di Avellino, Salerno e Napoli sono state raggiunte da un’ordinanza di custodia cautelare del gip del tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura: uno degli indagati è finito in carcere, quattro ai domiciliari e per altre tre persone è stato disposto l’obbligo di dimora nei comuni di residenza.

Gli indagati devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata all’accesso abusivo a sistemi telematici e riciclaggio. Secondo l’accusa, con il sistema del phishing prosciugavano i conti di ignari risparmiatori che fornivano loro informazioni personali e codici di accesso bancario.

INDAGINI AVVIATE NEL 2021 A SOLOFRA

L’avvio delle indagini nel 2021 a Solofra in provincia di Avellino. I carabinieri, durante alcuni controlli, scoprirono che una coppia di fidanzati aveva telefoni cellulari e carte di credito intestati ad altre persone. Le indagini, coordinate dal procuratore di Salerno, Giuseppe Borrelli, hanno fatto emergere l’esistenza di un gruppo criminale, operante anche all’estero, che riciclava il denaro sottratto ai correntisti.

125MILA EURO RUBATI AD UNA COPPIA DI MILANO

A farne le spese anche una coppia di Milano, dal cui conto bancario cointestato sono stati portati via 125 mila euro, trasferiti su conti correnti e carte prepagate degli indagati. Ancora da quantificare l’ammontare complessivo della truffa ritenuto comunque ingente.