Undicimila atleti e addetti ai lavori provenienti da ogni parte del mondo, almeno trentamila persone da ospitare e sessanta impianti sportivi da migliorare.

I numeri imponenti dell’Universiade 2019 che Napoli ospiterà dal 3 al 14 luglio fanno pensare a una grande occasione per il miglioramento delle capacità di accoglienza della città, per la riqualificazione urbana e per la ristrutturazione di molte strutture sportive, a cominciare dallo stadio San Paolo.

Ma a tre mesi dall’evento a che punto è l’organizzazione? Se ne è parlato nel corso di un incontro promosso dal Sabato delle Idee, evento fondato dal ricercatore Marco Salvatore, che si è tenuto al Cus di Napoli.
A discutere i temi dell’incontro il commissario straordinario dell’Agenzia regionale per l’Universiade Gianluca Basile, il presidente del Coni Campania Sergio Roncelli e Elio Cosentino, presidente del Cus Napoli.

Intervenuto telefonicamente anche il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, che ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti la situazione San Paolo, tra convenzione con il Comune, lavori e sediolini.