Coronavirus, la proposta: MotoNavi militari per accogliere i contagiati

0
597
Il progetto nato a Genova di adibire una motonave da trasporto di merci e persone (GNV) per accogliere i contagiati del coronavirus e alleggerire il carico di lavoro degli ospedali Liguri, potrebbe con alcune e opportune modifiche, essere esteso su tutto il territorio nazionale. L’imprenditore e manager capitolino Mauro Tersigni (esperto in sicurezza per aziende multinazionali) propone di avvalersi di tutti i porti italiani (ovviamente quelli più idonei) : Livorno, Civitavecchia, Napoli, Cagliari, Bari, Brindisi, Pescara, L’Aquila, Venezia. Essendo tutti questi forniti di ampi spazi e predisposti ad accogliere navi di grande dimensioni, si potrebbe far convogliare tutte le Moto Navi Militari disponibili, e tra quelle della Marina e Aeronautica Militare, Guardia Costiera ed Esercito si renderebbero immediatamente disponibili migliaia di posti letto. Una disponibilità di posti letto per ogni livello di contagio da quello più grave che necessita della rianimazione e terapia intensiva a quello meno grave o asintomatico. Le imbarcazioni militari sono già progettate e dotate di tutte le apparecchiature per accogliere i pazienti, potrebbero essere operativi in pochi giorni, con un costo più basso ed un’alta efficienza. Avvalendosi del personale medico e paramedico militare, che hanno competenze e professionalità oltre che i mezzi. Poter contare sull’utilizzo delle Motonavi Militare garantirebbe efficienza anche nella logistica e nel trasporto (di personale e beni), ed i benefici sarebbero tanti sia in termini di controllo, sicurezza, prevenzione a costi veramente ridotti. Ad esprime un parere favorevole su questa idea anche il noto Professore Alessandro Grimaldi, immunologo presso l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila, il quale reputa importante un aiuto di tale portata per combattere in modo efficiente il covid-19 che ha nella sua facilità di trasmissione la sua arma migliore e che lo dimostra con l’elevato numero di contagiati in tutto il Mondo.
(Servizio di Vincenzo Rochira)