Gli appuntamenti da non perdere nel week end dal 14 al 16 febbraio

0
369
Foto di Raffaella De Luise
INNAMÒRATI DI NAPOLI CON GLI INNAMORÀTI DI NAPOLI

L’Assessorato alla Cultura ed al Turismo del Comune di Napoli presenta la quinta edizione dell’iniziativa Innamòrati/Innamoràti di Napoli. Un programma di visite guidate da “ciceroni illustri” affiancati da guide turistiche abilitate che nella mattina di domenica 16 febbraio faranno innamorare di Napoli cittadini e turisti. Si andrà alla scoperta e riscoperta di luoghi noti e meno noti raccontati in chiave personale da uomini e donne che lavorano e vivono ispirati dall’amore per Napoli. Dai tasselli degli appuntamenti verrà fuori il volto variegato di una città che eccelle in mille campi. Unica eccezione rispetto alla data del 16 febbraio sarà la visita ESPLORANDO IL BORGO OREFICI che si terrà sabato 15 febbraio a cura degli gli artigiani dell’Antico Borgo Orefici che racconteranno la storia e le tradizioni dell’arte orafa a Napoli e accompagneranno i visitatori al Museo dell’Arte Orafa. Circa una cinquantina i personaggi illustri che hanno aderito finora per altrettanti percorsi e monumenti della città.
Programma completo: http://www.comune.napoli.it/innamorati-di-napoli-2019.
Antico Borgo orefici
Sabato 15 febbraio e domenica 16 febbraio, ore 10.00

 

foto Sveva Bellucci
WHEN THE RAIN STOPS FALLING
AL TEATRO BELLINI

When the Rain Stops Falling è la storia delle famiglie Law e York, di quattro generazioni di padri e figli, madri e mogli. Un racconto epico e al tempo stesso distopico che ci parla di matrimoni spezzati e morti accidentali, di verità taciute e di destini che si incrociano facendoci viaggiare dal 2039 al 1959. L’australiano Andrew Bovell costruisce una storia intima dall’affascinante e complessa struttura drammaturgica: i diversi fili narrativi, il graduale sovrapporsi delle temporalità e i destini delle quattro generazioni che si incrociano, ci raccontano una corrispondenza così profonda tra le esperienze di ognuno dei personaggi da suggerire che negli alberi genealogici non vi siano ‘scritti’ solo i nomi dei protagonisti, ma anche i loro comportamenti, le inclinazioni, i desideri e gli errori. Lisa Ferlazzo Natoli dirige nove straordinari interpreti in un vero e proprio viaggio nel tempo dall’architettura narrativa nitida: è senza flashback che i personaggi, da vecchi e da giovani, entrano ed escono da un quadro all’altro, da un paesaggio all’altro, con un ritmo così incalzante che anche lo spettatore si ritrova a viaggiare nel tempo guidato dal ripetersi di alcune azioni, dal riproporsi di alcune battute o elementi narrativi. È sul tempo stesso che ci si interroga, ‘piegandolo’ in avanti, per lasciare entrare il futuro e i suoi fantasmi, o, con improvvise ‘interferenze’, aprire il presente a squarci di passato.
Teatro Bellini
Via Conte di Ruvo, 14
Venerdì 14 febbraio: ore 21
Sabato 15 febbraio: ore 17.30 e 21
Domenica 16 febbraio: ore 18

VINYLOVE. MUSICA PER CHI SI AMA
AL TEATRO PALAPARTENOPE

Si rinnova l’appuntamento con la Musica. Al Teatro Palapartenope, una due giorni, organizzata da DiscoDays, con 30 espositori selezionati da tutta Italia e oltre 60.000 Vinili e Cd di tutti i generi. In programma mostre, presentazioni di libro e dj. Tredici dj si alterneranno in una speciale consolle, selezionando vinili di vari generi musicali: Redo Desyo, Lino di Meglio, Pen, Francesco Miele, Gennaro De Sarno, L.u.c.i.a.n.o., Carmine Nappi, Dj Uncino, Enzo Vox Molino (con una selezione di dischi dedicati agli U2), Giulia Pezzulo, Sara Scarabino, Frank Virgilio, Young T. Spazio a una mostra interamente su Vinili ad opera di SDU, divisa in 3 categorie: Miti musicali, Napoletanità, Dj. La street art, arte democratica, trasversale, ribelle e illegale, arte di sovversione e di critica, trova nel supporto vinilico di SDU una collocazione più house e meno street. Il vinile diventa strumento di comunicazione del pensiero e dei miti dell’artista.
Teatro Palapartenope
Via Barbagallo 115
Sabato 15: dalle 16 alle 21
Domenica 16 febbraio: dalle 10 alle 20
Tutti gli appuntamenti: https://www.facebook.com/events/1226509720892466

 

PER SAN VALENTINO UN BIGLIETTO PER DUE A CAPODIMONTE
NOTE D’AMORE, MUSICA E POESIE A CURA DI MUSICAPODIMONTE

Speciale promozione di San Valentino al Museo e Real Bosco di Capodimonte per venerdì 14
febbraio 2020. Le coppie che vorranno trascorrere il giorno degli innamorati nelle sale del museo, tra le opere d’arte, pagheranno un solo biglietto di ingresso. Un’occasione speciale per scoprire la passione anche su alcune delle celebri tele esposte nella pinacoteca tra cui Venere e Amore attribuito a Hendrik van der Broecke (copia da Michelangelo Buonarroti), Rinaldo e Armida di Ludovico Carracci e Rinaldo e Armida di Annibale Carracci. Inoltre, alle ore 18, nella sala dedicata alla pittura emiliana (sala 12 al primo piano), si terrà il reading musicale Note d’amore. musica e poesie intorno all’amore con Rosario Ruggiero, Antonella Quaranta e Rodolfo Fornario. La performance è inclusa nel biglietto di ingresso al museo.
Museo e Real Bosco di Capodimonte
Via Miano 2
Venerdì 14 febbraio: ore 18

OPTIMUS PRIME PROTAGONISTA A EDENLANDIA

Il potente leader degli Autobot, Optimus Prime, arriva all’Edenlandia. In esclusiva al grande Parco cittadino napoletano, il più famoso dei Transformer trova casa per sé e i suoi tanti fans.
L’evento sarà l’occasione per assistere ad un grande show, di luci, musica, effetti speciali, acrobati, che lascerà i presenti senza fiato. Per tutti gli appassionati e per chi non lo conosce ancora o per chi avrebbe sempre voluto incontrarlo, da metà febbraio sarà possibile. Lo spettacolo ha un biglietto di ingresso (6 euro) che include anche la foto ricordo, al termine dello show, con il gigante  robot alto 2 metri e mezzo di ferro e forza.
Edenlandia
Viale Kennedy 75
Da domenica 15 febbraio: ore 11.30 – ore 13 – ore 16.30 – ore 18

 

STABAT MATER

La versione in dialetto napoletano al NEST.La stagione NEST prosegue con “STABAT MATER”. Tratto dal testo originale di Antonio Tarantino, “Stabat Mater” torna in un’originale versione riadattata da Stella Savino e Fabrizia Sacchi in dialetto napoletano. Luca Guadagnino e Stella Savino ne firmano la regia. L’attrice Fabrizia Sacchi, in scena per un’intera ora con Gennaro Lucci (scelto tra i ragazzi del folto gruppo #GiovaniO’Nest), interpreta il delirio appassionato e intenso e il lamento straziante di Maria Croce, ragazza madre meridionale nella periferia di una Torino ferita e degradata, all’inizio degli anni ’90.
NEST Napoli Est Teatro
Via Bernardino Martirano 17
Sabato 15 febbraio: ore 21
Domenica 16 febbraio: ore 18

 

VALENTINA STELLA IN CONCERTO
IL SAN VALENTINO DEL TEATRO LENDI

Da Passione eterna a Mente e cuore, Valentina Stella regalerà agli innamorati nella platea del Teatro Lendi una serata d’amore. In scaletta i suoi brani pià amani che incontrano le storiche melodie della canzone napoletana.
Teatro Lendi.
Via A. Volta 176
Grumo Nevano – Sant’Arpino
Venerdì 14 febbraio: ore 21

 

A SAN VALENTINO UNO SPECIALE DJ SET “ANTIROMANTICO”

Proseguono gli appuntamenti della rassegna musicale “Ogni Santo Venerdì”, con la direzione artistica di Subcava Sonora, che per tutto il mese di febbraio, ogni settimana, proporrà live, dj set e eventi speciali, tutti ad ingresso gratuito. Per la festa degli innamorati, al bando cioccolatini a forma di cuore, orsacchiotti e rose rosse: sarà celebrato un San Valentino “non convenzionale” con il dj-set antiromantico che vedrà in consolle Gianni Rallo. Una selezione in cui saranno mixati successi degli anni ’70, ’80 e ’90, dance e commerciali, per una serata lontana dai classici cliché sentimentali. Per l’occasione saranno creati anche degli speciali drink a tema.
Club Bibendum – Stanze Alcoliche 
Via Santa Maria la Nova, 6
Venerdì 14 febbraio: ore 22.30

STRADA KETELOS
PER LA RASSEGNA IL NUOVO SUONA GIOVANE

Sarà il sound meticcio e trascinante di Strada Ketelos ad animare il palcoscenico del Teatro Nuovo di Napoli, per il secondo appuntamento de Il Nuovo Suona Giovane 2020, quarta edizione della rassegna musicale per le giovani generazioni, presentata dal Teatro Pubblico Campano, diretto da Alfredo Balsamo, con il coordinamento artistico di Victoriano Papa. Il collettivo di musicisti partenopei e non si esibirà, per l’occasione, in una formazione di otto strumentisti composta da Dario De Luca (chitarra manouche), Marcello Smigliante Gentile (mandolino), Alfredo Pumilia (violino), Bruno Belardi (contrabbasso), Pasquale Benincasa (percussioni), Gabriele Cernagora (clarinetto), Biagio Daniele (armoniche e voce), Luca Grazioli (tromba).
Formato da giovani artisti diversi sia per provenienza geografica (Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Francia), sia per estrazione musicale (jazz, pop, folk, classica), il gruppo, ibrido e multiforme, ha una struttura flessibile per le diverse performance, e si muove all’interno di un lessico sonoro poliedrico. Improvvisazione, estro, versatilità sono le carte vincenti della band, che trascorre dal jazz, al jazz manouche, al blues, swing, funky, gypsy, folk, bluegrass. Tecnica e interplay dei musicisti coprono un’ampia gamma sonora grazie alla presenza di una sezione di fiati, strumenti a corde, sino all’armonica a bocca, alla voce e alle percussioni.
Teatro Nuovo
Via Montecalvario, 16
Sabato 15 febbraio: ore 20

GIORGIO MONTANINI IN SCENA CON “COME BRITNEY SPEARS” AL TEATRO NUOVO

Dopo il successo del precedente spettacolo Quando stavo da nessuna parte, il comedian più scomodo e corrosivo della scena italiana ritorna sul palcoscenico del Teatro Nuovo, con Come Britney Spears nell’ambito della rassegna Stand Up Comedy 2020, presentata a Napoli dal Teatro Pubblico Campano. Il comico e attore marchigiano, con la sua stand up comedy, inserisce nel gioco gli spettatori, interrogati più volte e messi a dura prova dal cinismo pungente, fantasticamente colorito e senza filtri di Montanini. Il pubblico per lui diventa “l’amico del bar”, cui raccontare tutto quello che non sa, per fargli aprire gli occhi e fargli fare qualche risata. Come Britney Spears, nono e inedito monologo di Giorgio Montanini, mette in discussione l’unico vero baluardo trasversale e condiviso da tutti, quello che tiene in piedi il genere umano: l’antropocentrismo.
Teatro Nuovo
Via Montecalvario, 16