Erano stati rubati dalle sedi di alcune diocesi della Campania e della Basilicata: 50 dipinti ex voto sono stati ritrovati in Lombardia e Piemonte dai carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale di Monza, diretti dal maggiore Francesco Provenza.

I quadri, realizzati nel 15° e 16° secolo, erano finiti esposti in due musei nel 2015 dopo aver arredato per anni la casa di un collezionista di Milano, poi deceduto.

Ed è dai due musei che è partita l’indagine dei carabinieri di Monza.

Le 50 opere sono state restituite alla Curia di Napoli nel corso di un’iniziativa a cui hanno preso parte l’arcivescovo, Crescenzio Sepe e i rappresentanti delle diocesi da cui erano stati trafugati i quadri.