Sono scesi in strada per un corteo che ha sfilato per tutto il quartiere di bagnoli, come preparazione alla grande manifestazione che si svolgerà sabato sera alla rotonda Diaz sul lungomare di Napoli.
Alla protesta, che si allarga a macchia d’olio in tutta la città, contro coprifuoco e rischio di  secondo lockdown, hanno aderito anche commercianti, imprenditori e residente dell’area occidentale della città.
Prima un’assemblea in piazza, poi il corteo per le strade per chiedere al governo l’applicazione della tassa patrimoniale sui grandi capitali, come misura per sostenere gli aiuti a tutte le imprese messe in difficoltà dalle nuove restrizioni