Andranno a lavorare nei centri per l’impiego i 471 navigator della Campania vincitori di concorso, il cui futuro occupazionale era legato al ritardo nella firma del contratto con l’agenzia per il lavoro Anpal da parte del presidente della Regione, Vincenzo De Luca.

Dopo le proteste e gli scioperi della fame, termina nel migliore dei modi quindi la vertenza. A dare notizia dell’intesa raggiunta riguardo all’assunzione degli interessati, il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.

Una notizia che arriva dopo mesi in cui i 471 navigator, destinati all’assistenza dei percettori del reddito di cittadinanza, protestavano perchè non vedevano riconosciuto un diritto fondamentale, già acquisito invece da chi come loro aveva partecipato al bando pubblico nelle altre regioni italiane.

In Campania, invece la loro assunzione era pregiudicata dalle beghe politiche tra il governatore ed il movimento cinque stelle.

La lotta paga, ma le nuove alleanze di governo hanno sicuramente inciso. Il raggiungimento dell’intesa è stato così commentato da Fabrizio Greco, sempre in prima fila durante le proteste davanti al palazzo della Regione