Una lite scoppiata in casa nel cuore della notte tra fratelli sfociata in tragedia nel rione Toiano a Pozzuoli.

Aveva precedenti penali Rosario Lucignano, 44 anni, ucciso dal fratello Filippo, 53 anni, sotto lo sguardo dell’anziana madre con cui vivevano entrambi.

Dopo aver accoltellato la vittima, è stato lo stesso Filippo Lucignano, incensurato, a consegnarsi alla Polizia, giunta in via Catullo nel popoloso rione popolare del comune flegreo alle porte di Napoli.

Il dramma è avvenuto alle 3 della scorsa notte. Non si conoscono ancora le cause che hanno scatenato l’alterco tra i fratelli Lucignano, sfociato con l’accoltellamento di Rosario, con la madre che ha assistito alla scena e avvertito le forze dell’ordine e i soccorsi.

All’arrivo dell’ambulanza però, il 44enne era già morto.

Durante i controlli, gli agenti di polizia hanno rinvenuto e repertato anche il coltello da cucina utilizzato dall’uomo che ha colpito più volte il fratello alla schiena e al petto. La vittima, come detto, aveva diversi precedenti penali.

Sulla salma è stata disposta l’autopsia da parte del magistrato di turno. Il 53enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Poggioreale in attesa dell’interrogatorio di convalida del fermo.