Dopo 85 giorni di chiusura, nel giorno della Festa della Repubblica, il Parco Archeologico di Ercolano torna ad accogliere i propri visitatori.

Rispettando tutte le norme del distanziamento sociale per la sicurezza di ogni visitatore e di ogni lavoratore, si riparte dunque con l’orario 10,30-19.30 fino al mese di Ottobre, rispettando un giorno di chiusura settimanale, il martedì, per una sanificazione periodica.
Tariffe agevolate per accogliere di nuovo i visitatori: biglietto singolo a 10 €, mentre per i giovani tra i 18 e 25 anni è di 2€.

In queste prime settimane è previsto un ingresso massimo di 60 persone distribuite in ogni ora, per un massimo di 480 ingressi giornalieri.
Al check point controllo della temperatura corporea e della mascherina.
Una volta varcato il controllo biglietti, i visitatori accedono al Padiglione della Barca dove è esposta la barca scoperta sull’antica spiaggia e una serie di oggetti che legano a filo doppio Ercolano con il mare; è la volta poi dell’Antiquarium, con l’esposizione permanente SplendOri.

In questa prima fase si punta su un aspetto concreto grazie al supporto del personale del Parco, di cartellonistica di orientamento, intensificata la sanificazione degli ambienti comuni, disponibilità di gel con dispenser che non implicano il contatto.
Per la seconda fase sono già tracciati i primi passi verso una direzione che vedrà i servizi sempre più digitalizzati.

“Il Parco ritorna a vivere”, le parole del direttore Francesco Sirano.