Da mercoledì 27 ottobre e fino al 22 gennaio 2022, napoletani e turisti potranno ammirare le opere di Aniello Falcone esposte nell’ambito della mostra ‘Aniello Falcone, il Velázquez di Napoli’ allestita al Museo Diocesano. Inaugurata  alla presenza dell’arcivescovo di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, e delle istituzioni cittadine e regionali, l’esposizione è la prima dedicata nella sua città al pittore della seconda metà del 1600. Prendendo spunto dal restauro appena concluso del suo capolavoro, il Riposo dalla fuga in Egitto del Museo Diocesano di Napoli, la mostra, curata da Pierluigi Leone de Castris, ambisce a riunire attorno ad esso oltre venti opere di questo protagonista del ‘secolo d’oro’ dell’arte napoletana: dalle tele di soggetto sacro alle battaglie e alle nature morte, e a proporre un percorso esteso alle chiese di Napoli che ancora conservano dipinti a fresco di Falcone da San Giorgio Maggiore a San Paolo Maggiore al Gesù Nuovo. Il restauro del Riposo ha consentito inoltre di riportare alla versione originale il lavoro di Aniello Falcone scoprendo il velo sul seno che allatta coperto in un momento successivo alla sua realizzazione.

Intervista