giovedì, Giugno 30, 2022
Home Moda Geolier lancia GTWO, un progetto che parte dalla periferia di Napoli e...

Geolier lancia GTWO, un progetto che parte dalla periferia di Napoli e conquista il cuore della città

Presentata la collezione F/W 2022-2023 disegnata dal creative director Raffaele Morlando

Geolier, artista rap multiplatino, ha presentato la collezione F/W 2022-2023 del suo brand GTWO al Salone Margherita, luogo storico e prestigioso della città di Napoli, con una sfilata show curata nella direzione artistica da Alessio Menna. La nascita del brand, con il CEO e Founder Gaetano Palumbo (fratello di Geolier) e il creative director Raffaele Morlando e la scelta della location confermano che l’hip hop è un mondo in cui ci sono musica, arte, creatività e un modo di vestire che riflettono uno stile di vita ben preciso, nel rispetto del movimento artistico e culturale nato nel quartiere newyorkese del Bronx a partire dagli anni settanta del XX secolo.

«GTWO è un nuovo passo in un cammino che ho iniziato in questa mia vita artistica e, come ogni passo, l’ho compiuto insieme alla famiglia – racconta Geolier –. La mia famiglia è sangue, come Gaetano, mio fratello, il primo a credere in questo progetto e a volerlo, ma è anche un legame forte con chi mi è vicino da sempre nella costruzione della mia carriera e sono tutti fratelli di vita. GTWO è un racconto. Per quelli che come me, come noi, nascono in periferia niente è facile ma, al tempo stesso, niente è impossibile! Ci vuole amore, passione, impegno e le cose accadono, soprattutto quando le fai con rispetto e professionalità. Siamo tutti molto giovani. GTWO avrà lunga vita non solo per il modo in cui nasce ma anche perché vuole rendere più forte il legame tra me e i ragazzi e le ragazze che mi ascoltano, che sono parte fondamentale del mio successo e che da oggi possono anche indossare la mia stessa giubba college, i miei stessi pantaloni. Possono essere sempre più parte della mia vita, che è meravigliosa anche grazie a loro».

In questo nuovo progetto c’è tanto di Gaetano Palumbo. «L’idea di partenza è stata quella di voler creare un nuovo concetto dì streetwear capace di affascinare e conquistare chiunque – racconta Gaetano –. Uno streetwear che racconta una storia e che, proprio come il rap, dice la verità. Non è un’operazione commerciale e speculativa, non è questo il senso di GTWO. Mi piace pensare di dar vita a una rivoluzione e di diffondere un’immagine che crei amozioni. Emozioni vere, pure e forti, come quelle che stiamo provando noi della squadra GTWO, un progetto impegnativo ma vincente. È solo l’inizio di una nuova storia».

A disegnare la collezione, il creative director GTWO Raffaele Morlando, che ha proposto pantaloni tuta e pantaloni cargo, giubbe modello college americano, shirt manica lunga e corta, polo, felpe con e senza cappuccio, a cui, con scritte e disegni, ha affidato tanti messaggi. Ci sono graffiti colorati, c’è l’icona di un uomo con la mascherina, per non dimenticare l’epoca Covid, e c’è la maschera da saldatore che lega il presente e il futuro di Geolier, ormai artista che scala le vette della classifiche nazionali, colleziona oro e platino e si afferma tra i rap più forti della scena, al suo passato da saldatore con la maschera che compare sui capi disegnati. Spazio anche alla pelle con trench, camice, pantaloni e guanti.

«Il valore di GTWO è profondamente radicato nell’unione tra la cultura di strada e i valori della moda – racconta Raffaele Morlando –. L’obiettivo è quello di trasmettere a chi parte da zero che la strada è il più grande trampolino di lancio per il successo. GTWO è un senso di appartenenza più che un brand di abbigliamento, rappresentiamo il riscatto per chi viene dal niente. La collezione F/W 2022-2023 ripercorre l’inizio della storia di Geolier: in fabbrica, sui banchi da lavoro, dove una mano di Emanuele era ricoperta dai calli della fatica, mentre l’altra era destinata a riscrivere la storia. I codici di abiti streetwear sono rivisitati e ricercati nel linguaggio visivo contemporaneo di GTWO, attingendo al concetto di immaginazione e creatività come la più pura forma di evasione, enfatizzando l’emblematico stile di riscatto idilliaco che si intreccia in armonia con la mia vision».

La regia della sfilata è stata affidata a Massimiliano Costabile; l’organizzazione dell’evento, a Giuseppe Ferrara, Stefano Margarita, Danilo Ruggiano e Raffaele Verde. I modelli sono stati truccati dallo staff della make up artist Ortensia Tropeano.

Cancro alla prostata, è possibile tornare alla normalità: esperti a confronto a Napoli

Tornare a una vita normale dopo l’asportazione del cancro alla prostata oggi è possibile. Grazie alle nuove tecniche che utilizzano la robotica si possono...

Napoli, Consiglio comunale approva primo bilancio era Manfredi

Era il Bilancio, il primo vero banco di prova per la giunta Manfredi. Dopo i primi nove mesi passati a chiedere in continuazione soldi...

Filomena Lamberti sfregiata con l’acido dall’ex torna “a sentire il vento sulla faccia”

A 10 anni di distanza dalla notte in cui l’ex marito versò dell’acido su testa, volto, mani e décolleté di Filomena Lamberti, finalmente la...

Lacrime ai funerali del piccolo Christian, morto a tre anni investito da un’auto

Una folla commossa, un dolore composto quello che ha accompagnato questa mattina nel suo ultimo viaggio la salma del piccolo Christian Carezza, rimasto ucciso...

Cancro alla prostata, è possibile tornare alla normalità: esperti a confronto a Napoli

Tornare a una vita normale dopo l’asportazione del cancro alla prostata oggi è possibile. Grazie alle nuove tecniche che utilizzano la robotica si possono...

Napoli, Consiglio comunale approva primo bilancio era Manfredi

Era il Bilancio, il primo vero banco di prova per la giunta Manfredi. Dopo i primi nove mesi passati a chiedere in continuazione soldi...

Filomena Lamberti sfregiata con l’acido dall’ex torna “a sentire il vento sulla faccia”

A 10 anni di distanza dalla notte in cui l’ex marito versò dell’acido su testa, volto, mani e décolleté di Filomena Lamberti, finalmente la...

Lacrime ai funerali del piccolo Christian, morto a tre anni investito da un’auto

Una folla commossa, un dolore composto quello che ha accompagnato questa mattina nel suo ultimo viaggio la salma del piccolo Christian Carezza, rimasto ucciso...

Covid, boom di contagi, i medici: “Entro agosto rischio piena emergenza”

"Se andiamo avanti di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono...
Skip to content