Al Teatro Sannazaro in scena Non farmi perdere tempo – tragedia comica per donna destinata alle lacrime, scritto e diretto da Massimo Andrei, che vede in scena Lunetta Savino ed Eduarda Iscaro.

La storia è quella di Tina, una donna di ventisette anni ma che ne dimostra sessanta a causa della sua malattia: la sindrome di Werner, invecchiamento precoce.

Tina è una donna comune, colpita dal destino, ma che non si arrende mai. La donna ha individuato il tempo a sua disposizione come risorsa e se n’è impadronita produttivamente.
Ad un certo punto della sua vita infatti decide di affrontare e concludere molte delle faccende ordinarie e straordinarie, delle aspirazioni e passioni che ha rimandato per molto tempo.

Come il pirandelliano protagonista de L’uomo dal fiore in bocca si rifugia nell’immaginazione, così Tina si rifugia nella grande medicina che è la fantasia, pur non perdendo mai di vista il concreto.

Lunetta Savino interpreta Tina. La coetanea rimasta visibilmente giovane, che le tiene compagnia suonando una poetica fisarmonica, è Eduarda Iscaro.