L’Europa non può salvarsi solo attraverso la difesa del Paese ma con investimenti sulla cultura e l’ educazione. Ed è per questo che investire sull’Italia vuol dire investire su Caserta e la Campania. Sanare la Terra dei fuochi dunque, eliminare le ecoballe e investire su tutto ciò che di bello Caserta e la Campania hanno.

Dopo la visita a Pompei della scorsa vigilia di Natale, il Premier Matteo Renzi torna in Campania e, insieme al ministro Dario Franceschini e la ministra Roberta Pinotti visita la Reggia di Caserta.

Un tour nelle nuove sale restituite ai visitatori e un incontro pubblico nel Teatro di Corte dove si è esibito il coro delle Voci Bianche del teatro San Carlo di Napoli.

Il Premier ha visitato l’Appartamento reale e le sale aperte al pubblico per poi passare agli spazi del piano nobile da tempo occupati dalla Scuola dell’Aeronautica militare e da ieri dedicati esclusivamente alla loro naturale destinazione museale grazie all’intervento del ministero della Difesa.

Comincia così la nuova stagione dell’autonomia voluta dal ministro Dario Franceschini che affida il complesso vanvitelliano a una gestione unitaria.