Sono il capitano del Napoli Marek Hamsik, il capo della redazione giornalistica del Tgr Campania Antonello Perillo, l’attore Gino Rivieccio, e i titolari del ristorante D’Angelo – S. Caterina, rappresentati da Salvatore Giugliano, i vincitori della terza edizione del Premio “A chi”, assegnato alle eccellenze napoletane dei settori impresa, cultura, sport e spettacolo e organizzato in memoria dell’ingegnere partenopeo Emilio D’Alterio, prematuramente scomparso nel 2012.
I vincitori hanno ritirato il premio, una statuetta opera dello scultore Lello Esposito, nel corso di una serata evento svoltasi a Napoli, a Palazzo San Teodoro, e condotta dal giornalista Enzo Agliardi.  Ospiti della serata Peppino Di Capri, Lello Esposito e il maestro di arte presepiale Marco Ferrigno; Pino De Maio e Giovanni Cimmino (interpreti della sigla del Premio “A chi” e di un momento musicale dedicato ai cantautori italiani), gli attori Lello Pirone e Natalia Cretella (che hanno interpretato testi di Eduardo in uno spazio dedicato alla memoria del figlio Luca e alla famiglia de Filippo), e Roberto Ciccarelli che ha presentato una parte del suo spettacolo musicale e di cabaret. Marek Hamsik, applauditissimo dal pubblico in sala, ha vinto il Premio speciale “Momenti azzurri”: il presidente dell’associazione Momenti Azzurri Giuseppe Montanino, insieme al vicepresidente Dino Alinei e al coordinatore Gigi Porcelli, ha consegnato al capitano del Napoli un Pulcinella realizzato da Marco Ferrigno e una targa con dedica a un “vero napoletano”.
Come tradizione del Premio, nel corso della serata è stata promossa una raccolta fondi il cui ricavato sarà destinato quest’anno all’associazione onlus L’Acchiappasogni, presieduta da Vittoria Lucianelli, che offre sostegno a bambini in difficoltà e malati e realizza iniziative umanitarie a Napoli all’estero.