Dopo tre giorni dall’inizio della Fase 2 apertura, le associazioni di cittadini e consumatori segnalano aumenti importanti in alcuni settori fino a lunedì rimasti chiusi.

Caffè, tagli di capelli, vestiti, hanno fatto registrare incrementi sostanziali: fino al 53.8% per i caffè, fino al 25% per i tagli di capelli.

I bar, con molti esercenti hanno ritoccato al rialzo i prezzi. A Napoli patria del caffè in alcuni esercizi una tazzina costa 1,30. Per un taglio di capelli da uomo in città si segnalano prezzi che oscillano tra i 16 e i 20 euro mentre per colore messa in piega shampoo e taglio da donna i prezzi arrivano fino a 120 euro.
Molti commercianti al dettaglio hanno attivato la politica dei saldi anticipati per eliminare la merce invernale e quella estiva della passata stagione ma nonostante questo si segnalano in alcuni casi prezzi esorbitanti. Aumenti anche per i giocattoli di quasi il 20%. Molti genitori intanto non possono dire no ai loro bambini chiusi in casa da mesi.