Il Napoli di Gattuso regala la gioia più grande: Juve sconfitta e notte di festa

Finisce 2-1 al San Paolo, i gol di Insigne e Zielinski piegano i bianconeri. Inutile la rete nel finale di Cristiano Ronaldo

0
295
Lorenzo Insigne (Foto dal profilo Facebook di Lorenzo Insigne)

La gioia più grande, la vittoria più attesa contro la rivale più odiata. Nel peggiore momento del Napoli targato De Laurentiis, il Napoli trafigge la Juventus al “San Paolo” e regala ai tifosi una notte di festa. Risultato che entusiasma, frastorna chi ama i colori azzurri e che evidenzia, almeno questo è l’augurio, il superamento della crisi. I gol di Zielinski e Insigne, piegano i bianconeri capaci di un sussulto finale col solito Cristiano Ronaldo, complice l’ennesima incertezza difensiva.
Contano i 3 punti, in una classifica anemica, ma quel che puiù conta è l’atteggiamento in campo della squadra. Gattuso pare sia riuscito a rianimare un gruppo da mesi stabilmente sotto la tenda a ossigeno. L’innesto nel cuore del centrocampo di Diego Demme il vero capolavoro del mercato, capace con questo colpo e con l’arrivo anche di Lobotka di inserire nel motore azzurro l’additivo mancante.
In una sola notte al “San Paolo” sembrano svanite ansie e frustrazioni. Contro l’odiata Juventus, contro l’ex subcomandante Sarri, contro un sistema di potere che continua a perpetrase se stesso, la truppa in maglia azzurra si è riscoperta squadra. L’elemento più importante, il dato più significativo, ciò che fa sperare nella risalita della china.
A questo punto sarebbe davvero importante capire in quella notte drammatica post Napoli-Fiorentina, nel ritiro di Castel volrturno, cosa sia avvenuto. Quali corde abbia toccato Gattuso. Cosa sia scattato nella mente di giocatori che fino allo scorso anno sembravano campioni e nelle mani di Ancelotti sono diventati brocchi. L’allenatore fieramente meridionale aveva chiesto di non specchiarsi più, di non sentirsi più belli, biondi e con gli occhi azzurri. Ma di diventare, brutti, magari anche cattivi. Pare che l’idea alla squadra sia piaciuta… a Pianic & C un po’ meno.