Fa ancora discutere l’ultimo rimpasto della giunta comunale operato dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

A tenere viva la fiamma del dibattito politico, l’inaspettata presa di posizione del mondo della cultura al fianco dell’uscente assessore, Nino Daniele.

A questo si è aggiunto in ultimo lo scivolone mediatico di chi ha preso il suo posto in giunta, Eleonora de Majo, con il rifiuto della cittadinanza onoraria da parte di Liliana Segre dopo che il neo assessore comunale alla Cultura l’aveva proposta per uscirsene dal tritacarne mediatico in cui era finita, dopo l’uscita di un suo vecchio post del 2015 contro il premier israeliano Netanyahu.

Con già sulle spalle gli atavici e i nuovi problemi di Napoli, trasporti e manutenzione per esempio, anche politicamente non è un buon periodo per il sindaco de Magistris che, questa mattina, ha dovuto incassare anche il presidio di solidarietà nei confronti dell’assessore epurato proprio sotto al suo ufficio.