Passa sempre più dalla dotazione tecnologica la lotta alla camorra e al crimine nella città di Napoli.

Va letta in questo senso il varo della nuova sala operativa della Questura del capoluogo campano, avvenuto questa mattina alla presenza del capo della polizia di stato, Franco Gabrielli, accompagnato dal nuovo Questore, Alessandro Giuliani e dai vertici della magistratura cittadina.

Nuove tecnologie al servizio delle forze dell’ordine, certo. Ma quello che serve maggiormente oggi nell’attività di controllo e repressione del territorio è il rinforzamento degli organici di polizia ridotti all’osso dai meccanismi previdenziali derivanti da quota 100.

Dal capo della polizia una rassicurazione sull’invio di nuove forze in città e un messaggio chiaro al nuovo Governo